Collaborazioni

  • Il servizio

Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD)

Il Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD) consente di aiutare la persona nel disbrigo delle attività quotidiane sollevando in parte la famiglia dal carico assistenziale (es. igiene degli ambienti, preparazione dei pasti, igiene della persona, disbrigo di commissioni, ecc.). Questo può consentire alla persona di rimanere nel proprio domicilio e nel proprio contesto familiare.

Possono fruire del servizio le persone di qualsiasi età che si trovano in condizioni di disabilità fisica o sociale o socio-sanitaria.

La richiesta di attivazione del servizio va rivolta all’assistente sociale referente per il Comune di residenza. 
Dopo il  colloquio di conoscenza e valutazione, seguito da una visita domiciliare, l’assistente sociale si impegna a dare avvio all’assistenza con un operatore socio sanitario, entro 15 giorni dall’accertamento di necessità.
Il progetto di intervento viene predisposto e concordato con la persona e/o con la sua famiglia.
Il servizio domiciliare può essere attivato anche temporaneamente, per affiancare o addestrare l’assistente privata o i familiari, sulle prestazioni di base (es. spugnature a letto, bagno assistito, spostamenti letto/carrozzina, uso dei presidi e degli ausili).

Il SAD è a pagamento, a seconda del reddito, calcolato su base ISEE e secondo il Regolamento approvato dalla Conferenza dei Sindaci. E’ invece gratuito per attività temporanee di affiancamento.